buscar

Attualità tecnologica
Il presente di EDICOM è la migliore garanzia per il Vostro futuro

Il livello di interoperabilità dell’Europa raggiunge il 75%

05/09/2017

interoperability europe

L’interoperabilità tra i paesi dell’Unione europea è cresciuta nel 2016 rispetto agli anni precedenti. La relazione “State of Play of Interoperability in Europe – Report 2016” elaborata dal NIFO (National Interoperability Framework Observatory), afferma che il livello di allineamento al Quadro Europeo di Interoperabilità (EIF) ha raggiunto il 75%.  Tra i vari paesi analizzati, 23 raggiungevano il 50% e 12 superavano addirittura l’80%.

Nonostante la media positiva, lo studio dimostra che esistono ancora enormi differenze tra le regioni. L’Estonia è il paese più interoperabile (100%), seguito dai Paesi Bassi (99%) e dalla Spagna (97%). L’altro piatto della bilancia è rappresentato da nazioni come l’Irlanda (18%), il Belgio (32%) e il Portogallo (41%).

Queste percentuali fanno riferimento al livello totale di allineamento alle azioni stabilite dal Quadro Europeo di Interoperabilità (EIF), suddiviso in 5 dimensioni differenti: principi, modello concettuale, livelli di interoperabilità, accordi di interoperabilità e governance di interoperabilità.

Analizzati individualmente, gli aspetti meno sviluppati sono i livelli di interoperabilità (64,33%) e gli accordi di interoperabilità (66,32%). In tutti i casi esiste comunque almeno un paese che raggiunge il 100%. Un altro dato di notevole importanza è la crescita del livello di interoperabilità del 9% rispetto al 2015.

La relazione del NIFO studia anche l’implementazione dei quadri nazionali di interoperabilità. In questo ambito la Spagna occupa il primo posto (100%) con lo Schema Nazionale di Interoperabilità. La segue la Danimarca (88%), i Paesi Bassi (87%) e il Lussemburgo (85%). La media rimane comunque al 56%, crescendo di 12 punti rispetto all’anno precedente. Dei 26 paesi analizzati, 16 si stabiliscono al di sopra del 50% e 5 superano l’80%.

Un altro aspetto valutato dallo studio è la monitorizzazione, vale a dire la capacità dei paesi di analizzare le tendenze e di adattarsi ai cambiamenti. In questo senso gli stati che hanno ottenuto il punteggio migliore sono quelli dotati di organismi che si dedicano appositamente all’interoperabilità. È il caso dell’Austria (100%), della Danimarca (88%) e della Spagna (88%).

Perché l’interoperabilità?

La strategia del Digital Single Market, che punta per una Unione europea più tecnologica e interconnessa, afferma che l’interoperabilità è un “prerequisito” fondamentale per affrontare al meglio la frammentata evoluzione paperless che si è generata con il passare degli anni e che ha reso difficile la comunicazione tra le aziende e gli organismi di ogni stato.

Per risolvere questo problema è stato creato il programma ISA2 (Interoperability Solutions for European Public Administrations), che verrà sviluppato tra il 2016 e il 2020. La Commissione europea coordinerà e monitorizzerà l’implementazione del Quadro Europeo di Interoperabilità (EIF) attraverso questo programma. Questo piano d'azione si basa su un quadro concettuale che include 4 livelli di interoperabilità e 47 raccomandazioni per gli stati membri.

Inoltre l’attuazione della Direttiva 2014/55/UE, volta a favorire l’uso dello standard europeo e degli appalti pubblici elettronici prima del 2018, rappresenterà una spinta definitiva per l’interoperabilità.

Vuole saperne di più?


Richieda maggiori informazioni

Tags

Cloud Computing B2B Cloud Platform EDI ASP-SaaS e-Invoicing GDSN EMCS VAN OFTP2 AS2 Certification Authority Digital Signature Outsourcing SLA Software EDICOM Events SaaS-ASP Corporate Information HUB GS1 CFDI APP Associated Facturae Data Sync partners EDICOM Retail public administrations Acreditations Web Portal EDI NF-e einvoicing Partner Web Portal SAP EDI Health Edicomdata ediwin CRP EBI Facture Demat EDI Travel B2B EDICOMNet edi logistics SAFT-PT business@mail EDI Manufacturers TSD UE 1169/2011 epayrolls SEPA factura electronica Conservazione Sostitutiva edi automotive customer support center rg1169 e-billing e-awb fattura pa UE 1169/201 Portail Chorus compliance eAWB xml-cargo peppol iata e-cargo facturación electrónica Cargo-XML EDICOMAir EDI Auto b2g eprocurement IVA ELECTRÓNICO HORECA sii SII AEAT Expert Analysis Switzerland NHS edi academy EDICOM LTA paperless OFTP EDI Web dématérialisation fiscale colombia SAF-T VAT DESADV ASN Fatture B2B SDI Chorus Pro moda Italia suiza swisscom conextrade interoperabilidad suministro inmediato de información european union digitalización settore sanitario openpeppol global einvoicing edicom sii VAT compliance air freight sector UNCTAD Orders peppol network peppol standards peppol european union tendencias interoperability interconexión factuurcongress SINTEL Brasil interoperabilidade e-procurement trends digitization digital transformation SaaS latam cybersecurity white paper FatturaPA factura electrónica colombia fashion eIDAS e-archiving ebimap SME EDICOMLta e-commerce fattura b2b B2B e-Invoicing GDPR RTIR FACe FACeB2B portugal blockchain ItalyNSO business@mailPharma vat compliance ar EDIHOSP EDICOMSignADoc

Seguici su

  • linkedin
  • rss